A proposito di poesie e favole – di Natalina Micale

fairy-1206837_1280

La favola e’ una forma letteraria di brevi composizioni dove di solito i protagonisti sono animali. Mi piace citare a tal proposito un paio di favole, brevemente riassunte,  dei miei  autori preferiti.                                                                                                                             Esopo – La volpe con la pancia piena                                                                                               La volpe aveva mangiato cosi’ tanto che non riusciva ad uscire dall’incavo della quercia dove si era nascosta. E così si mise a strillare disperata. E allora un’altra volpe che di lì passava le disse: “e’ inutile che strilli, devi avere pazienza ed aspettare che la pancia scenda…”. E qui si scopre come la ingordigia possa essere anche dolorosa…                  Hans Cristian Anderson – La piccola fiammiferaia                                                                      Questa bimba povera per guadagnarsi da vivere era solita vendere fiammiferi. Era la notte di Natale, faceva freddo e nevicava. La gente andava di corsa, sicchè nessuno le compro’ i fiammiferi. La piccola aveva cosi’ tanto freddo che accese i fiammiferi per scaldarsi. Chiuse gli occhi e sogno’ una casa con un albero pieno di luci, e una tavola piena di cose buone e… il suo cuore volo’ via, diventando una stella. Anche in questa favola trovo una morale profonda: l’indifferenza al male altrui diventa normale abitudine.  Le favole insegnano a comprendere meglio tante cose della vita.

  leave-1957302_1280

La poesia invece è creazione, è arte che trasmette degli stati d’animo che arrivano dritti al cuore. Non ha niente in comune con la prosa. Anche qui cito due poesie del poeta a me più caro.                                                                                                                                         Giacomo Leopardi – L’infinito…                                                                                                          La parte finale di questa poesia a me trasmette serenità e mi emoziona…”e naufragar me dolce in questo mare”.                                                                                                                       Giacomo Leopardi – Il passero solitario                                                                                           “Passero solitario alla campagna cantando vai finchè non more il giorno. Ed erra l’armonia per questa valle”. Come non emozionarsi e sentire realmente il canto?                 Devo però aggiungere a questo punto anche un altro poeta.                                            Giovanni Pascoli – La cavalla storna                                                                                           …nella sera il silenzio era già alto…                                                                                            Non ho altre parole ma dico solamente:  quante sensazioni, quante emozioni!                  La poesia esce dal più profondo del cuore

Annunci